giovedì 1 novembre 2007

Tempi nuovi


Credo che stiamo tutti vivendo tempi che annunciano importanti cambiamenti in vari settori della vita sociale, economica, culturale e religiosa. A proposito di sfera religiosa ho la sensazione che stiamo per assistere ad un incontro storicamente rilevante tra la nostra fede cattolica e le maggiori religioni del mondo. Sarà questa la grande "rivoluzione" del nostro tempo alla quale, credo, andrà ad unirsi un rinnovato e significativo dialogo nell'ambito del cristianesimo tra cattolici e ortodossi. Non si tratta di creare una forma di religione "unica" cosa che sarebbe assurda. Credo, invece, che nella chiara distinzione possa, invece, venir fuori un terreno comune sul quale costruire un dialogo così forte e potente che sarà in grado di cambiare il nostro quotidiano. Da dove mi viene tutto questo non so dirvelo. Ripeto è una sensazione che mi nasce dentro leggendo qua e la le varie iniziative di dialogo in corso sia nell'ambito del cristianesimo sia nell'ambito del dialogo interreligioso. La cosa apre orizzonti e prospettive nuove. Ecco allora i tempi nuovi che si annunciano davanti a noi. Un futuro, insomma, che vede le religioni diventare protagoniste autentiche per la nascita di un umanesimo nuovo.

3 commenti:

francesco ha detto...

non sono molto d'accordo...
non mi pare che ci siano segni certi di una rinascita del genere...
penso sia il tempo della semina, piuttosto, questo sì
anzi penso che il compito di questi anni sia di offrire un modo rinnovato di pensare e vivere la fede... lavoro di retrovie, di silenziose attese... lavoro da amanuensi della storia...
i frutti li raccoglieranno altri tra qualche decennio
se noi si lavora bene

Padre Natalino ha detto...

Siamo in tempi di grandi cambiamenti. Certamente la società odierna, dalla scienza alla politica, dalla scuola allo sport, non ci aiuta, ghettizzando sempre più tutto ciò che riguarda la Chiesa.
Che il nostro debba essere lavoro di retrovie, di silenziose attese, da manuensi della storia, mi trova assolutamente daccordo.
E' tempo di semina, di dura e taciturna semina...poi Dio Padre se ne occuperà.

vincenzo ha detto...

Siamo sempre nel tempo della semina ma questo tempo è anche tempo che annuncia cose nuove. E come ogni semina per portare frutto a tempo debito ha bisogno di attese, magari silenziose, ma anche piene di vita e di cambiamenti. Sono proprio questi cambiamenti, piccoli e grandi, che ci aiuteranno a raccogliere il frutto quando sarà pronto e maturo. Quel che accade intorno a noi non è da poco ma da spessore e intensità alla nostra SPERANZA.